GB: cristiani discriminati sul lavoro, udienza a Strasburgo

5 set – La Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo inizia oggi a esaminare i casi di 4 cittadini britannici, cristiani praticanti, che hanno fatto ricorso contro lo Stato accusato di non aver difeso in modo adeguato la loro liberta’ religiosa e il diritto a non subire discriminazioni sul posto di lavoro.

Nadia Eweida, impiegata alla British Airways, e Shirley Chaplin, infermiera, hanno denunciato il divieto imposto dai propri capi di indossare, in maniera visibile, la croce attorno al collo sul posto di lavoro.

Lilian Ladele, funzionaria dell’anagrafe, e Gary Mc Farlane, consigliere di Relate1, sono stati invece licenziati per essersi rifiutati di svolgere alcuni compiti che avevano visto come protagonisti delle coppie omosessuali. Secondo i due, infatti, le relazioni omosessuali sono contrarie ai propri principi di fede e i loro superiori avrebbero dovuto rispettare la loro liberta’ religiosa.

I 4 casi verranno esaminati oggi nel corso della prima udienza. Per la sentenza si dovra’ ancora attendere. asca

http://www.imolaoggi.it/?p=27215

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *